Bologna Fiere: appalti, legalità, sviluppo e qualità del lavoro

Firmato il Protocollo di sito che prevede anche la collaborazione con Insieme per il lavoro

 

E’ stato firmato il 5 agosto il Protocollo di sito in materia di appalti, legalità, sviluppo e qualità del lavoro per Bologna Fiere, sottoscritto dal Comune, Città metropolitana, Regione, BolognaFiere e tutti i sindacati, Cgil, Cisl, Uil, Usb e Sgb. Un documento che afferma con forza i principi fondamentali che contraddistinguono un’economia sana, che assume come priorità l’occupazione e la qualità del lavoro, in coerenza con il Protocollo appalti del novembre 2019 e che si aggiunge agli altri protocolli di sito promossi da Città metropolitana e Comune di Bologna per Interporto, Fico, Autostazione e Aeroporto. E come avvenuto per altri accordi sottoscritti a Bologna, anche il protocollo di sito della Fiera prevede la collaborazione con il progetto Insieme per il lavoro , promosso da Comune di Bologna, Città metropolitana e Arcidiocesi per l'inserimento nel mondo del lavoro di persone scarsamente autonome nella ricerca del lavoro.

 

Il Protocollo avrà durata di 3 anni e prevede tra l’altro l’istituzione di un Tavolo di sito relativo al Quartiere Fieristico che verrà convocato almeno una volta all’anno per monitorare il rispetto dell’accordo, informare in merito a progetti di sviluppo, andamento economico aziendale, prospettive occupazionali, gestione degli appalti e, comunque, su specifici o particolari punti che riguardino obiettivi e programmazione delle attività aziendali. Con il Protocollo, la Fiera si impegna infatti a tenere conto anche del tema della sostenibilità ambientale nella gestione ordinaria del quartiere.

 

"Anche in una crisi come quella epocale che stiamo vivendo, attraverso la contrattazione, si possono estendere i diritti, includendo e allargando le tutele a quei lavoratori che troppo spesso sono esclusi", scrivono Stefano Biosa (Filcams) e Giacomo Stagni della segreteria della Camera del lavoro.

 

"Un ottimo lavoro, non scontato che ha richiesto grande senso di responsabilità e sacrificio da parte di tutti", commenta l'assessore regionale alle Attività produttive e al Lavoro, Vincenzo Colla.

 

"Sono davvero soddisfatto che tutte le organizzazioni sindacali abbiano sottoscritto il protocollo. Da queste condizioni si pongono le premesse per un rilancio", aggiunge l'assessore comunale al Lavoro, Marco Lombardo.

 

"E' un ottimo punto di partenza, una comune dichiarazione di impegno che lancia un grande messaggio di compattezza a cui ora bisogna far seguire concretezza", sprona il vicesindaco metropolitano, Fausto Tinti.

 

"Considero il risultato di oggi come l'espressione di un sentimento di responsabilità nei confronti dell'azienda molto importante. Il panorama che si presenta oggi è di grande preoccupazione e a settembre si aprirà una stagione particolarmente delicata che necessiterà anche di grande determinazione per trovare soluzioni all'altezza del momento", conclude il direttore generale della Fiera, Antonio Bruzzone.